Business: i consigli per costruire il team giusto - Vecchione&Partners
22488
post-template-default,single,single-post,postid-22488,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.7,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Business: i consigli per costruire il team giusto

Ogni imprenditore sogna di avere al proprio fianco un team stellare, fatto di risorse motivate e appassionate, in grado di dare quel valore aggiunto che porta un progetto aziendale al trionfo. Tuttavia trovare, formare e consolidare il giusto team di collaboratori per un imprenditore può non essere così facile. Sono diversi, infatti, gli aspetti da considerare. Se stai per intraprendere questo affascinante percorso, ecco qualche consiglio per selezionare bene i tuoi prossimi collaboratori. 

1. Partiamo dalle fondamenta!

Prima di introdurre nuove figure nella compagine imprenditoriale, è importante chiarire bene le tue posizioni come leader. Vanno, perciò, chiariti aspetti come la catena di comando, lo sviluppo dei processi di gestione, la filiera organizzativa. Stabilisci quindi un chiaro processo decisionale e condividilo con il tuo team solo quando sarà ben limato e ti apparirà efficace per il successo dell’impresa. Fatto questo importante passaggio, valuta le “caselle” vuote, quali posizioni riempire e quali caratteristiche stai cercando. 

2. Punta sulla personalità

Nella tua squadra, oltre a professionalità e competenza, serve una vera e propria rockstar! Qualcuno in grado di giocare in più ruoli e con una personalità aperta e amichevole. Il tuo team dei sogni, infatti, non può prescindere da una o più persone ricche di talento e inventiva, in grado di saper passare da un ruolo all’altro, avere più competenze ed essere responsabile quando si tratta di puntare al risultato. 

3. Prioritari potenzialità e passione

Curriculum e competenze rimangono gli aspetti più importanti in sede di valutazione per la stragrande maggioranza delle aziende. Ma per portare al tuo team quel qualcosa in più, hai bisogno di spingerti a guardare un po’ più in là, dando la priorità anche alle motivazioni e all’entusiasmo. Nella vita di un’azienda, soprattutto in fase di avvio, possono essere molti i momenti difficili e “grigi”. Cerca perciò futuri dipendenti che credono davvero nella tua idea e non la considerino solo un punto di partenza per poi andare altrove. 

4. L’esperienza rimane una voce fondamentale

Assicurati di reclutare qualcuno che, nel tuo settore, ha già dimostrato di saper fare la differenza, essere risolutivo e conoscere i canali giusti di intervento. Poter contare su una o più persone che sanno già come navigare in determinate acque, renderà tutto più semplice. Non avrai, infatti, bisogno di investire troppo tempo nella formazione e potrai valorizzare da subito le risorse in grado di diventare i nuovi leader aziendali.  

 

No Comments

Post a Comment